Regione Lombardia

Segnalazione di presenza amianto

Ultima modifica 9 aprile 2020

Cosa è

L'amianto o asbesto è un minerale naturale a struttura fibrosa. Per le sue caratteristiche è stato molto utilizzato in passato e dal 1992 è stato vietato in Italia.

Si trova

  1. Prodotti in cemento-amianto:
  • lastre di grande formato per rivestimento facciate
  • lastre per tetti e facciate, lastre ondulate
  • canali di ventilazione, tubi, condutture di scarico
  • elementi prefabbricati e articoli da giardino ( es. cassette per fiori, tavoli e sedie da giardino, lastre per tennis da tavolo)
  1. Rivestimenti di freni e frizioni (in resine composite)
  2. Guarnizioni di tenuta (in gomma composita)
  3. Amianto floccato (rivestimento di travi di acciaio e pareti quale protezione antincendio isolamento acustico e termico)
  4. Pannelli leggeri (rivestimenti antincendio pareti, porte)
  5. Rivestimenti (pavimenti e pareti)
  6. Stuoie (coibentazione di tubi)
  7. Mastici antifuoco (canalette di cavi)
  8. Cartone (isolamento termico, protezione antincendio)
  9. Materiale per filtri (industria alimentare e farmaceutica)
  10. Riempitivi (additivo fibroso per adesivi, sigillanti e pigmenti)
  11. Funi e corde in amianto, nastri isolanti e anelli di tenuta (protezione antincendio in stufe a olio o di maiolica, caldaie e bruciatori di impianti di riscaldamento centralizzati)
  12. Prodotti tessili (tessuti per tute protettive e indumenti resistenti al fuoco
  13. Tessuti e cuscini in amianto (protezione antincendio, barriere antifiamma per canalette di cavi nei passaggi muro)

E’ pericoloso essenzialmente perché le fibre di amianto molto sottili, tendono a sfaldarsi dividendosi longitudinalmente, rimangono sospese in aria e vengono respirate. E’ quindi necessario ridurre il più possibile l’inalazione e non disperderle nell’ambiente per eliminare il rischio di tumori (principalmente polmone, pleura, laringe).
Richiede il controllo dello stato di conservazione dell’amianto e dei materiali che lo contengono.
Quando le condizioni di degrado sono tali da creare una condizione di rischio è necessario effettuare un intervento di bonifica.

Obblighi dei proprietari (soggetti pubblici e privati)

I soggetti pubblici e privati proprietari di edifici, impianti o luoghi nei quali vi è la presenza di amianto o di materiali contenenti amianto, sono tenuti a comunicarne la presenza all’A.T.S. di competenza e, per conoscenza, al servizio comunale, mediante la compilazione della seguente modulistica:

  • Lettera accompagnamento "Invio modulo NA/1 ed allegato A"
  • Modulo NA/1 "Notifica di presenza di amianto in strutture o luoghi";
  • Allegato A "Protocollo per la valutazione dello stato di conservazione delle coperture in cemento-amianto";
  • Indicazione del nominativo e recapito della figura responsabile e documentazione prevista dal D.M. 06.09.1994

Pertanto il cittadino che rileva presenza di amianto in un edificio o impianto di proprietà e che non lo abbia ancora segnalato (singolo cittadino, condominio, impresa) è tenuto a farlo anche al fine di consentire il censimento completo dell'amianto sul territorio comunale.

L'indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) e casella istituzionale del Comune di Carate Bianza è segreteria.comune.caratebrianza@pec.regione.lombardia.it

Si ricorda che l'operazione di bonifica/smaltimento dell'amianto deve essere effettuata solo ed esclusivamente da ditte specializzate previa acquisizione di autorizzazione da parte dell'A.T.S.. territorialmente competente.
Si ricorda altresì che per gli interventi di bonifica/smaltimento è necessario contattare l’ufficio tecnico per verificare la necessità di presentare una pratica edilizia.

Segnalazioni

Per eventuali segnalazioni relative alla presenza di una presunta copertura in fibrocemento contenente amianto, è necessario compilare il seguente modulo "Segnalazione presunta copertura in fibrocemento (eternit)".

La compilazione del modulo e l'invio al servizio comunale competente e all'A.T.S.., permetterà l'avvio del procedimento con le relative azioni previste (attivazione AT.S.., valutazione del rischio, predisposizione eventuali interventi di bonifica e/o rimozione).

Documentazione Necessaria

  • Lettera accompagnamento "Invio modulo NA/1 ed allegato A"
  • Modulo NA/1 "Notifica di presenza di amianto in strutture o luoghi";
  • Allegato A "Protocollo per la valutazione dello stato di conservazione delle coperture in cemento-amianto";
  • Indicazione del nominativo e recapito della figura responsabile e documentazione prevista dal D.M. 06.09.1994
  • Lettera per esposto (se la segnalazione viene effettuata da persona diversa dal proprietario)

Normativa

L.R. n. 17/03"Norme per il risanamento dell'ambiente, bonifica e smaltimento dell'amianto" modificata dalla L.R. n.14/2012 e il Piano Regionale Amianto - PRAL hanno come obiettivo:

  • Salvaguardia del benessere delle persone rispetto l’inquinamento da amianto.
  • Prescrizione di norme di prevenzione per la bonifica dell’amianto.
  • Promozione di iniziative di educazione e informazione finalizzate a ridurre la presenza di amianto.
  • D.M. 06.09.1994

Ufficio di riferimento